Il fascino della lingerie / Let's chat About

I peggiori cassetti della biancheria intima

biancheria intima in ordine nel cassetto

Come è sistemato il vostro cassetto della biancheria intima? E’ perfettamente ordinato? O c’è l’anarchia più totale?

Se il vostro cassetto della biancheria è tra questi 3…bisogna correre ai ripari!

  • Esplosivi – Nel senso che li apri e dentro c’è di tutto, la biancheria è disposta alla rinfusa, un ammasso di capi di vario genere: le coulotte che mettete quando andate a correre insieme a perizomi, qualche esule capo di lingerie, gli slip “da ciclo”, quello string che vi fa sentire super sexy e addirittura, in alcuni casi, le autoreggenti fanno parte del cassetto dell’intimo….sacrilegio!
  • Desertici – In perenne stato di carestia. Solitamente sono mono-modello. La vostra mutandina preferita, quella con cui vi sentite comode e che, in uno slancio di enfasi d’acquisto, avete comprato in tutte le combinazioni esistenti, fantasie e colori. Anche per i reggiseni non c’è speranza, pochi, e senza alcun abbinamento con gli slip. Le calze? 4 in tutto, qualcuna con qualche smaliatura bloccata sul nascere con lo smalto trasparente.
  • Bridget Jones Style – Una accozzaglia di capi di dubbio gusto. Avete saccheggiato le bancarelle e riempito il cassetto di capi ultra kitsch, e sono certa che non manca il super graffiante slip stampato animalier, tigrato, zebrato o leopardato, la mutanda modellante anti-sesso, il perizoma di Hello Kitty, una serie sconfinata di perizomi di 2 taglie più piccoli della vostra, tanti slip che non mettete ma non li buttate perchè “non si sa mai che capiti l’occasione”, e addirittura qualche cimelio: i tanga super sgambati molto anni 80, che giustificate con un “torneranno di moda prima o poi”.

Se i vostri cassetti assomigliano a questi, bisogna fare qualcosa, perchè questi 3 cassetti sono l’anti-erotismo per eccellenza. Per chi pensa “ma nessuno guardandomi, saprà come sono i miei cassetti quindi posso tenerli come voglio”. Io vi dico, siete sicure? Devo smentirvi, anzi, sono così sicura che vi dirò questo segreto: ogni persona è un po’ come il suo cassetto della biancheria. Provate a passeggiare per strada e immaginare i cassetti della biancheria di qualche passante in particolare…è molto probabile che la vostra idea corrisponda alla realtà! Ma, per fortuna, i cassetti della biancheria si possono facilmente sistemare!

Sfatiamo ogni dubbio, voglio essere onesta tanto siamo tra di noi. Se il tuo cassetto rientra tra questi che ho citato, riordinarlo non basta. Perchè? Perchè non c’è alcun senso di stile, di utilità, di seduzione. Quindi, seppur io sia molto green e non ami gli sprechi in tutta onestà cestinare il tutto è la cosa migliore. Ma poichè ricomprare tutto potrebbe essere una spesa anche eliminare gradualmente è un buon piano. Iniziate a sostituire in questo ordine:
  1. capi danneggiati o consumati: se hanno un buco, uno strappo, sono scuciti, sono cotti dai tanti lavaggi questi capi sono i primi che devono essere eliminati.
  2. capi che non sono della taglia giusta: siete ingrassati/e e ora l’intimo va troppo, troppissimo stretto. Oppure siete dimagriti/e e ora l’intimo va largo e sembra un sacco buttato addosso.
  3. capi decisamente fuori moda o con cui non vi sentite a vostro agio: alcune cose sono davvero kitsch, magari sono passati anni e ora avete un altro stile. Inutile tenere queste cose. Non le metterete, occupano spazio inutilmente.
Meglio poco ma bello, buono, utile, pratico. Nel prossimo articolo parliamo invece di quali sono i capi di intimo indispensabili per i nostri cassetti. Dopo avervi fatto cestinare tutto, vi aiuto a ricostruire! Cliccate qui.  

No Comments

    Leave a Reply